Vai direttamente ai contenuti della pagina

Criticità e potenzialità durante l'attesa 3

L’essere stati dichiarati idonei consente di stemperare il fisiologico timore di essere valutati che, inevitabilmente, contrassegna la relazione tra servizi e la coppia candidata all’adozione. È utile considerare che nel decidere di adottare i coniugi devono affrontare un percorso di rivisitazione e ricalibrazione della propria motivazione(3) ed delle aspettative a diventare genitori. Sappiamo, infatti, che la genitorialità adottiva(1) pur avendo larghe aree di sovrapposizione con quella biologica, rappresenta un’esperienza per molti aspetti differente per le complesse esperienze che caratterizzano i bambini e per i contenuti che richiede di affrontare. Tra l’altro queste differenze sono andate intensificandosi negli ultimi anni  a causa del progressivo innalzamento dell’età dei bambini adottabili(2), delle difficili esperienze personali e delle problematiche di salute che li caratterizzano. Si tratta allora di avviare progetti di lavoro, mirati e flessibili, che abbiano quale finalità quella di accompagnare le coppie in un percorso di approfondimento e conoscenza relativo alle motivazioni, aspettative, sentimenti, che caratterizzano il progetto adottivo; e alla conoscenza delle peculiarità dei bambini adottati, delle loro storie e dei loro bisogni.

Allegati:
  • 1 Paola Di Nicola, La famiglia tra vecchie e nuove transizioni: ridefinire i confini e le competenze
    qualità dell'attesa_0.pdf
  • 2 Massimo Camiolo, Relazione adulto-bambino e complessità dell'esperienza di abbandono
    postadoz_0.pdf
  • 3 CIAI, L'accompagnamento e il sostegno alle coppie nel periodo dell'attesa
    cainews (2008 n. 3)_1.pdf
© Copyright 2011 Commissione per le Adozioni Internazionali - Tutti i diritti riservati - Credits