Notizie, comunicati e seminari

leggi la notizia Nuove statistiche sulle adozioni internazionali: primo semestre 2018 16/04/19 - Nuove statistiche sulle adozioni internazionali: primo semestre 2018 - In attesa dei dati annuali, CAI pubblica le informazioni relative al primo semestre 2018, consentendo una prima analisi sull’andamento del fenomeno adottivo nel 2018.  Nei primi sei mesi dell’anno le coppie che hanno fatto richiesta di autorizzazione all’ingresso in Italia di minori stranieri alla Commissione per le adozioni internazionali sono state 501. Dall’analisi storica dei dati semestrali relativi al periodo 2012-2018 emerge un trend fortemente calante ma se ci si sofferma sull’ultimo ...
archivio

La Commissione

La Commissione per le Adozioni Internazionali (CAI) è l'autorità centrale italiana in materia di adozioni internazionali prevista dalla Convenzione de L'Aja del 29 maggio 1993 sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale. E' composta dal Presidente, un Vicepresidente e da rappresentanti/commissari delle istituzioni scelti sulla base della loro esperienza e competenza nel settore dei minori. I Commissari svolgono un ruolo di collegamento con l'amministrazione o l'ente di appartenenza. Il loro mandato è di 3 anni e può essere rinnovato una sola volta. Partecipano alle attività della Commissione anche 3 esperti.  

È possibile dedurre dalla denuncia dei redditi le spese sostenute per l'adozione?

Sì è possibile. Le famiglie che adottano un minore straniero possono fruire della deduzione di una parte delle spese sostenute. Più precisamente è deducibile:  dal reddito complessivo il 50% delle spese sostenute dai coniugi, purché debitamente documentate e certificate dall'Ente Autorizzato che ha curato la relativa procedura; quanto speso dai coniugi per la procedura curata dall'Ente Autorizzato, in questo caso l'Ente Autorizzato  rilascerà una certificazione delle relative spese; quanto speso dai coniugi per il viaggio ed il soggiorno all'estero (vitto, alloggio e quanto sia necessario per la cura del bambino, ad esclusione dei giochi e di tutto ciò che rientra...