Vai direttamente ai contenuti della pagina

Cina

Cina
Continente
Dati principali
Nome completo:  Repubblica Popolare Cinese
Superficie:  9.572.900 km²
Abitanti:  1,336,718,015 ab. (Luglio 2011)
Densità:  137 ab./km²
Forma di governo:  Stato socialista a modello cinese
Capitale:  Pechino
Lingua:  cinese mandarino, cinese cantonese e inglese (Hong Kong), cinese cantonese e portoghese (Macao)
Moneta:  Renminbi
cartina

Referenti per l'adozione

Autorità competente per le adozioni internazionali
China Centre for Children’s Welfare and Adoption (CCCWA)- Sun Light International Plaza n. 16, Wang Jia Yuan Lane, Dong Cheng District Beijing 100027   www.china-ccaa.org  

Ambasciata d’Italia nella Repubblica Popolare Cinese
2, San Li Tun Dong Er Jie
– 100600 Beijing   www.ambpechino.esteri.it  

Rappresentanza diplomatica in ItaliaAmbasciata della Repubblica Popolare Cinese via Bruxelles, 56 – 00198 Roma   www.fmprc.gov.cn/ce/ceit/ita

Enti autorizzati operativi: ricerca ente per Paese

Normative e procedure

Il Paese ha ratificato la Convenzione de l'Aja n.33 del 29/05/93 il 16/09/2005; il 01/01/2006 è entrata in vigore.

Normativa vigente
• Legge sull’Adozione del 9 ottobre 2005;
• Codice Civile;
• Circolare dell’autorità centrale cinese (CCWAA) sui requisiti relativi al contenuto ed alla forma delle relazioni di follow-up, del 21 aprile 2011;
• Circolare dell’autorità centrale cinese (CCWAA) del 18 marzo 2011 relativa all’apertura dell'adozione dei bambini a bisogni speciali alle donne singles;
• Circolare dell’autorità centrale cinese (CCWAA) sulle principali regole per esaminare i dossier delle AI, del 2007.

Requisiti previsti dalla normativa locale per gli adottanti
• Le coppie sposate di età compresa tra i 30 e i 50 anni al momento dell’adozione; in caso di adozione di minori con bisogni speciali, i coniugi devono avere un’età compresa tra i 30 e i 55 anni;
• sono necessari 2 anni di matrimonio (se prima unione) o più di 5 anni (se seconda unione). Non è consentita l’adozione a chi abbia divorziato 2 o più volte;
• la coppia non deve avere più di 5 figli minori;
• è necessario godere di buona salute fisica e mentale (sul sito dell’Autorità centrale cinese è disponibile l’elenco delle malattie e delle condizioni psicofisiche ostative all’adozione);
• almeno uno dei due membri della coppia deve avere un impiego stabile e la coppia deve possedere beni familiari per un valore di almeno $ 80.000 e dichiarare un reddito familiare pari ad almeno $ 10.000 per componente della famiglia, incluso il futuro figlio adottivo;
• entrambi i coniugi devono avere un diploma di studi secondari;
• il casellario giudiziale dei coniugi non deve riportare nessuna irregolarità e nessun precedente.

Requisiti relativi all’adottando
• Sono adottabili:
   a) i minori di 14 anni;
   b) i minori orfani di padre e di madre;
   c) i minori abbandonati e senza ascendenti conosciuti;
• è richiesto il consenso all’adozione da parte del bambino maggiore di 10 anni.

La procedura
Il dossier della coppia verrà inviato all'Autorità Centrale cinese (CCCWA) che dopo aver esaminato  la documentazione comprovante i requisiti richiesti dalla normativa locale provvederà alla registrazione dei candidati all'adozione.
I tempi per l'ottenimento di una proposta di abbinamento, ad esclusione di minori con bisogni speciali, si aggirano attorno ai tre anni.
La proposta di abbinamento del minore arriverà tramite l'ente autorizzato e sarà corredata dalle informazioni riguardanti il minore, la coppia avrà a disposizione 10 giorni per comunicare l'accettazione della proposta.
Dopo il ricevimento della decisione della coppia il CCCWA convocherà gli adottanti in Cina fissando la data del viaggio.
La coppia si recherà nella Provincia di residenza del minore per la conclusione della procedura di adozione dove presso  l'ufficio locale degli affari civili  verrà registrata l'adozione e  verrà consegnato il minore. Dopo aver redatto e sottoscritto un contratto d'adozione tra la famiglia adottante e il tutore legale del minore verrà registrato l'atto di adozione.
Gli adottanti dovranno rinunciare per iscritto alla possibilità di revocare l'adozione così come disposto dalla legge cinese.
Il tempo di permanenza previsto per l'intera procedura è di pochi giorni.

Forma della decisione: amministrativa

Effetti della decisione:
interruzione dei legami precedenti l'adozione
creazione di un nuovo legame di filiazione
irrevocabilità

Dati d'interesse

Dati sulla situazione dell'infanzia  (vedi tabella UNICEF)

Dati statistici riferiti all'ingresso in Italia dei minori:

Annon. bambini FemmineMaschiEtà media
2009232121,5
201011626903,9
2011142301124

Le scadenze del post adozione:

  • Fino al 1° agosto 2011:
    2 relazioni all'anno (semestrali) per un anno dalla sentenza di adozione,
  • Dopo il 1° agosto 2011:
    6 relazioni dopo 1° - 6° - 12° mese. Poi al 2° - 3° - 5° anno dopo l'adozione.

 

Comunicati dalla Commissione

  • 28/11/2008 - COMUNICATO: INCONTRO CON IL VICE MINISTRO PER GLI AFFARI CIVILI DELLA REPUBBLICA POPOLARE CINESE
    Si è svolto a Palazzo Chigi il 25 novembre 2008 l'incontro bilaterale tra una delegazione della Repubblica Popolare Cinese, guidata dal Vice Ministro per gli affari civili, signora Jiang Li, e la Commissione per le adozioni internazionali, presieduta dal Sottosegretario di Stato Carlo Giovanardi, al fine di approfondire lo stato di attuazione dell'accordo bilaterale nel settore delle adozioni firmato lo scorso anno.
© Copyright 2011 Commissione per le Adozioni Internazionali - Tutti i diritti riservati - Credits