Vai direttamente ai contenuti della pagina

Polonia

Polonia
Continente
Dati principali
Nome completo:  Repubblica di Polonia
Superficie:  313.893 km²
Abitanti:  38.200.037 ab. (2010)
Densità:  120,92 ab./km²
Forma di governo:  Repubblica Parlamentare
Capitale:  Varsavia
Lingua:  polacco
Moneta:  Złoty polacco
cartina

Referenti per l'adozione

Autorità competente per le adozioni internazionali
Ministerswo Pracy i Polityki SpolecznejU1. Nowogrodzka 1/3/500-513 WARSZAWA 7  
www.mpips.gov.pl 
Ambasciata d'Italia in Polonia
pl. Dąbrowskiego 6 – 00-055, Varsavia   www.ambvarsavia.esteri.it 
Rappresentanza diplomatica in Italia
Ambasciata della Repubblica di Polonia via P.P. Rubens, 20 – 00197 Roma

Enti autorizzati operativi: ricerca ente per Paese

Normative e procedure

Il Paese ha ratificato la Convenzione de l'Aja n.33 del 29/05/93 il 12/06/1995; il 01/10/1995 è entrata in vigore.

Normativa vigente
• Legge del 6 novembre 2009 recante modifiche al CC; al CPC; alla Legge sugli atti dello stato civile; alla Legge Sociale ed al Codice della Famiglia e Tutela;
• Codice della Famiglia e della Tutela del 1964 (artt. 114-127 e art. 131);
• Codice di Procedura Civile;
• Codice Penale (art. 352);
• Legge relativa agli atti di stato civile, del 29 settembre 1986 (artt. 47-49).

Requisiti previsti per gli adottanti dalla normativa locale
• I single e i divorziati non sono esclusi dall’adozione, ma viene data priorità alle coppie sposate;
• la legge non prevede un’età massima o minima per adottare, tuttavia, nella pratica, è titolo preferenziale per le donne l’età inferiore ai 40 anni e per gli uomini l’età inferiore ai 45 anni;
• tra adottanti e adottando deve esserci una differenza di età non superiore ai 40 anni.

Requisiti relativi all’adottando
• Sono adottabili i bambini orfani, abbandonati o i cui genitori siano stati dichiarati decaduti dalla potestà genitoriale, nonché i minori i cui genitori abbiano dato il consenso all’adozione nell’ambito di un procedimento giudiziario;
• se il bambino ha compiuto 13 anni è necessario il suo consenso all’adozione;
• è frequente l’adozione di gruppi di fratelli, anche numerosi.

La procedura
Viene inviato il dossier della coppia all'Autorità Centrale che ne esamina il contenuto per poi procedere con una proposta di abbinamento informandone l'ente autorizzato. La coppia può quindi partire per il primo viaggio dove incontrerà prima l'Autorità Centrale a Varsavia e successivamente l'Autorità regionale nella distretto di residenza del minore, venuta a conoscenza della storia del bambino e accettandone l'abbinamento incontrerà il minore  e potrà frequentarlo per qualche giorno. Verrà quindi fissato il periodo di convivenza e la data della sentenza in tribunale. Questo primo viaggio potrà durare all'incirca una settimana. Il secondo viaggio per terminare la procedura dall'udienza in tribunale al rientro in Italia con il minore, considerando i tempi del passaggio in giudicato della sentenza, sarà orientativamente di circa 3 settimane.
 

Forma della decisione: giudiziaria

Effetti della decisione
• interruzione dei legami precedenti l'adozione
• creazione di un legame di filiazione tra l’adottato ed i suoi genitori adottivi;
• irrevocabilità della decisione

Dati d'interesse

Dati sulla situazione dell'infanzia  (vedi tabella UNICEF)

Dati statistici riferiti all'ingresso in Italia dei minori:

Annon. bambini FemmineMaschiEtà media
20092611191428,2
2010193701238,6
2011181721098,3

Le scadenze del post adozione
N.4 relazioni, una ogni sei mesi

Comunicati dalla Commissione

© Copyright 2011 Commissione per le Adozioni Internazionali - Tutti i diritti riservati - Credits