COMUNICATO PER LE FAMIGLIE ADOTTIVE IN FEDERAZIONE RUSSA

Si fa seguito ai precedenti comunicati pubblicati in data 13/10/2020 e 06/11/2020 per rassicurare sul costante impegno della Commissione volto a trovare una soluzione allo stallo che da mesi riguarda numerose procedure adottive in Federazione Russa, ferme a diverse fasi del proprio svolgimento.

Molte sono state le sollecitazioni e le manifestazioni di sofferenza espresse dalle coppie che la Commissione ha accolto e continua ad accogliere con la dovuta attenzione e partecipazione.

La CAI ha proseguito, infatti, con assiduità e costanza, il percorso interlocutorio attraverso il Ministero degli Esteri con l’omologa autorità russa per chiedere espressamente l’autorizzazione al rilascio di visti.

Il 26 novembre 2020, l’allora Sottosegretario di Stato agli Esteri, On. Ivan Scalfarotto, facendo appello alle motivazioni umanitarie che sottendono alla necessità di prevedere un’eccezione per le coppie italiane rispetto al divieto di accesso in Federazione Russa consentito attualmente a poche categorie di persone, ha sottoscritto una precisa richiesta indirizzata al Vice Ministro degli Esteri russo. Richiesta contenente le più ampie garanzie sulla disponibilità da parte delle coppie italiane di rispettare qualsiasi misura di sicurezza prevista dall’Autorità straniera.

In merito alle informazioni, circolate anche a mezzo stampa e provenienti da alcuni aspiranti genitori, dalle quali risulterebbe che visti di ingresso sarebbero stati concessi a coppie di altri Paesi quali la Spagna e la Francia, la Commissione si è immediatamente attivata avviando verifiche in merito. Sottoposto il quesito sulla fondatezza di tali informazioni direttamente alle Autorità Centrali, queste non solo hanno smentito tali notizie, ma hanno riferito di una situazione del tutto analoga a quella italiana. Anche in questi Paesi, infatti, vi sono coppie che, avendo già ricevuto una proposta di abbinamento e, in taluni casi, avendo già conosciuto il minore in occasione del primo viaggio effettuato in epoca pre-pandemica, attendono con sofferenza di poter proseguire e concludere il proprio iter adottivo. Desiderio, ad oggi, insoddisfatto a causa della permanenza dei limiti di ingresso posti dalle autorità straniere.

Duole dunque dover comunicare che, ad oggi, non si registrano segnali di apertura da parte della Federazione Russa e, ricordando che il rilascio di visti di ingresso dipende dalla sola volontà dello Stato estero che esercita i propri poteri di sovranità, la Commissione può solo, e non mancherà di farlo, mantenere alto e senza sosta il proprio impegno in favore dei minori e delle famiglie in attesa di partire.

Gli Enti autorizzati sono stati informati e vengono costantemente aggiornati dalla Commissione, in occasione anche di incontri di tavoli di lavoro.

Non appena ci saranno aggiornamenti, sarà cura della Commissione stessa darne pronta comunicazione a mezzo sito CAI.

01-02-2021