Rimborso spese adottive per le adozioni concluse negli anni 2018 e 2019 - Pubblicazione del Decreto del Ministro per le pari opportunità e la famiglia, prof.ssa Elena Bonetti, del 29 dicembre 2020, pubblicato nella G.U. Serie Generale n. 53 del 3/03/2021.

Vengono qui pubblicati i Decreti del Ministro per le pari opportunità e la famiglia, prof.ssa Elena Bonetti, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, del 29 dicembre 2020, ammessi alla registrazione dell’Ufficio Controllo della Corte dei Conti lo scorso 15 febbraio, concernenti la concessione del rimborso delle spese sostenute dai genitori adottivi entrambi residenti sul territorio nazionale, nonché ai cittadini italiani adottivi che hanno beneficiato dell’adozione pronunciata dalla competente Autorità di un Paese straniero, per le adozioni concluse negli anni 2018 e 2019.

Le istanze andranno presentate, a pena di irricevibilità, entro 60 giorni dalla pubblicazione dei DM sul sito della CAI e dunque da domani, 5 marzo 2021, fino alle ore 23:59 del 3 maggio 2021 esclusivamente accedendo al portale on line “Adozione Trasparente”  tramite autenticazione con SPID (Sistema Pubblico Identità Digitale).

Per la presentazione delle istanze è necessario seguire le istruzioni riportate nei DM e nel Manuale di istruzioni operative, di seguito pubblicati.

Solo le coppie che hanno beneficiato dell’adozione di cui all’art. 36, comma 4, della legge 4 maggio 1983, n.184, e coloro che hanno concluso la procedura adottiva senza l'assistenza di un Ente autorizzato, potranno presentare l'istanza a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento, utilizzando i modelli di istanza e di certificazione delle spese allegati al DM. Allegati Modello A 2018 e 2019, Modello B 2018 e 2019

Il rimborso delle spese è concesso ai genitori adottivi in possesso di un ISEE ordinario in corso di validità.

Si rammenta che l’istanza di ammissione al rimborso ha valore di dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto notorio; sulle dichiarazioni la Segreteria Tecnica effettua i controlli previsti dalla vigente normativa (D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445); si raccomanda dunque di prestare particolare attenzione nella redazione delle istanze.

E’ possibile inviare quesiti esclusivamente per posta elettronica all’indirizzo  rimborsi.cai@governo.it   non oltre 10 giorni antecedenti il termine ultimo previsto per la presentazione delle istanze di rimborso, indicando nell'oggetto “quesito DM rimborsi”.

Le risposte di interesse generale sono pubblicate nella sezione FAQ

L’istruttoria delle istanze seguirà l’ordine cronologico di arrivo.

 

Allegati

04-03-2021